UPS pubblica gli utili del 2° trimestre 2020

Leggi il comunicato stampa Leggi il comunicato stampa Leggi il comunicato stampa

Atlanta, Georgia

  • Il volume giornaliero medio consolidato ha fatto registrare una crescita record del 20,9%
  • 2° trimestre 2020: utili per azione diluiti di 2,03 dollari (USD), in aumento del 4,6%; utili per azione diluiti “adjusted” in aumento dell'8,7% a 2,13 dollari (USD)
  • YTD Cash dalle operazioni di 5,9 miliardi di dollari (USD); flusso di cassa libero “adjusted” di 3,9 miliardi di dollari (USD)

UPS (NYSE: UPS) ha annunciato in data odierna un fatturato consolidato nel secondo trimestre del 2020 pari a 20,5 miliardi di dollari (USD), con un aumento del 13,4% rispetto al secondo trimestre del 2019. L'utile netto ammonta a 1,8 miliardi di dollari per il trimestre; l'utile netto adjusted è stato di 1,9 miliardi di dollari, superiore dell'8,8% rispetto allo stesso periodo del 2019. L'utile operativo è stato pari a 2,2 miliardi di dollari e l'utile operativo adjusted è stato pari a 2,3 miliardi di dollari, ovvero un aumento del 7,4% rispetto al secondo trimestre dell'anno scorso.

Gli utili diluiti per azione sono stati di 2,03 dollari (USD) e gli utili diluiti adjusted per azione sono stati di 2,13 dollari (USD), in aumento dell'8,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. I risultati GAAP includevano un costo di trasformazione al lordo delle imposte pari a 112 milioni di dollari (USD), equivalente a 0,10 dollari per azione. Nell'anno precedente, i risultati GAAP includevano un addebito al lordo delle imposte per i costi di trasformazione di 21 milioni di dollari (USD), equivalenti a 0,02 dollari per azione. 

“I nostri risultati sono stati migliori di quanto ci aspettassimo, in parte trainati dai cambiamenti della domanda emersi dalla pandemia, tra cui un aumento delle spedizioni residenziali, delle spedizioni sanitarie legate al COVID-19 e una forte domanda di esportazioni dall'Asia”, ha affermato Carol Tomé, Chief Executive Officer di UPS. “I dipendenti UPS continuano a muovere il mondo in questo momento di bisogno e voglio ringraziare tutti i membri del nostro team per il loro duro lavoro e gli sforzi eccezionali che compiono per servire i nostri clienti e le nostre comunità e aiutarsi reciprocamente”.

Segmento Spedizioni nazionali USA

 

 

2° trimestre 2020

2° trimestre 2020
rettificato

 

2° trimestre 2019

2° trimestre 2019
rettificato

Entrate

13.074 milioni di dollari (USD)

 

11.150 milioni di dollari (USD)

 

Operativo rettificato (adjusted)

1.182 milioni di dollari (USD)

1.215 M di dollari (USD)

1.208 milioni di dollari (USD)

1.226 milioni di dollari (USD)

  • Il volume medio giornaliero è aumentato del 22,8%, raggiungendo 21,1 milioni di pacchi al giorno.
  • La domanda di consegna residenziale è aumentata notevolmente nel trimestre, con una crescita della spedizione B2C fino al 65,2%.
  • Il margine operativo è stato del 9,0%; il margine operativo adjusted è stato del 9,3%.

Segmento Operazioni internazionali

 

 

2° trimestre 2020

2° trimestre 2020
rettificato

 

2° trimestre 2019

2° trimestre 2019
rettificato

Entrate

3.705 milioni di dollari (USD)

 

3.505 milioni di dollari (USD)

 

Operativo rettificato (adjusted)

771 milioni di dollari (USD)

842 M di dollari (USD)

663 milioni di dollari (USD)

665 milioni di dollari (USD)

  • Il volume medio giornaliero è cresciuto del 9,8%, trainato dalla forte domanda in uscita dall'Asia e dall'aumento del commercio elettronico transfrontaliero in Europa.
  • Il margine operativo è stato del 20,8%; il margine operativo adjusted è stato del 22,7%.

Segmento Supply chain e Cargo

 

 

2° trimestre 2020

2° trimestre 2020
rettificato

 

2° trimestre 2019

2° trimestre 2019
rettificato

Entrate

3.680 milioni di dollari (USD)

 

3.393 milioni di dollari (USD)

 

Operativo rettificato (adjusted)

259 milioni di dollari (USD)

267 M di dollari (USD)

272 milioni di dollari (USD)

273 milioni di dollari (USD)

  • Le entrate sono aumentate dell'8,5%, trainate dalla domanda di spedizioni di merci aeree fuori dall'Asia, compensate in parte da una domanda più debole all'inizio del trimestre nelle unità di sdoganamento LTL e truckload.
  • Il margine operativo è stato del 7,0%; il margine operativo adjusted è stato del 7,3%.

Previsioni

UPS non fornisce ricavi e utili diluiti per azione a causa dell'incertezza circa il tempo e il ritmo della ripresa economica. L'azienda non è in grado di prevedere l'entità dell'impatto aziendale o la durata della pandemia di coronavirus, o di stimare ragionevolmente le proprie prestazioni operative nei trimestri futuri.

“Utilizzando la scala e la flessibilità della nostra rete integrata globale, abbiamo gestito con successo le sfide operative nel corso del trimestre. Per il futuro ci stiamo concentrando sull'efficienza e sulla qualità delle entrate per migliorare i margini operativi statunitensi nel lungo periodo”, ha affermato Brian Newman, Chief Financial Officer di UPS. “La nostra liquidità e la nostra posizione di cassa rimangono solide, e ci consentono di investire nella promozione delle capacità in questo periodo di difficoltà che non ha precedenti nella storia recente”.

* Gli importi “rettificati” (adjusted) sono misure finanziarie non GAAP. Vedere l'appendice a questo comunicato per una discussione sulle misure finanziarie non GAAP, inclusa una riconciliazione con la misura GAAP più strettamente correlata.

Informazioni sulla teleconferenza

Il CEO Carol Tomé e il CFO Brian Newman di UPS discuteranno con investitori e analisti i risultati del secondo trimestre durante una teleconferenza che si terrà il 30 luglio 2020, alle ore 8:30 (fuso orario della costa orientale degli Stati Uniti). Si potrà partecipare alla teleconferenza grazie al webcast in diretta. Per accedere, andare su www.investors.ups.com e fare clic su “Earnings Webcast”. Ulteriori informazioni finanziarie sono incluse nei programmi finanziari dettagliati pubblicati su www.investors.ups.com nella sezione “Dati finanziari” e come presentati alla SEC in allegato al Rapporto corrente sul Modulo 8-K.

Informazioni su UPS

UPS (NYSE: UPS) è un leader globale nella logistica e offre un'ampia gamma di soluzioni tra cui il trasporto pacchi e cargo, la semplificazione del commercio internazionale e l'utilizzo di una tecnologia avanzata per gestire in maniera più efficiente il mondo del business. UPS si impegna a operare in modo più sostenibile, per i clienti, l'ambiente e le comunità in cui operiamo in tutto il mondo. Dalla sede ad Atlanta, UPS serve oltre 220 Paesi e territori in tutto il mondo. UPS ha ricevuto il riconoscimento Miglior servizio clienti d'America per i servizi di spedizione e consegna dalla rivista Newsweek; “Most Valuable Brand in Transportation” dalla rivista Fortune; e le prime posizioni nella classifica JUST 100 per la responsabilità sociale, Dow Jones Sustainability World Index e Harris Poll Reputation Quotient, oltre a molti altri premi prestigiosi. Per informazioni sulla società, visita i siti Web ups.com, pressroom.ups.com, il blog aziendale ups.com/longitudes Per accedere alla eNewsletter aziendale sulla sostenibilità, UPS Horizons, visita il sito ups.com/sustainabilitynewsletter. Per ulteriori informazioni sull'impegno per la sostenibilità di UPS, visita il sito ups.com/sustainability. Per ricevere direttamente le notizie UPS, segui @UPS_News su Twitter. Per spedire con UPS, visita il sito ups.com/ship.

Dichiarazioni previsionali

Questa pubblicazione, il nostro Rapporto annuale sul Modulo 10-K per l'anno che si è concluso il 31 dicembre 2019 e le nostre altre registrazioni con la Securities and Exchange Commission (SEC) contengono e fanno riferimento alle “dichiarazioni previsionali” ai sensi del Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Dichiarazioni diverse da quelle attuali o storiche, e tutte le dichiarazioni accompagnate da termini quali “credere”, “progetto”, “aspettarsi”, “stimare”, “supporre”, “intendere”, “prevedere”, “obiettivo”, “pianificare”, variazioni degli stessi e termini simili, sono dichiarazioni previsionali. Le dichiarazioni previsionali sono subordinate alle disposizioni Safe Harbor delle leggi federali sui titoli ai sensi della Sezione 27A del Securities Act del 1933 e della Sezione 21E del Securities Exchange Act del 1934.

Di tanto in tanto, includiamo anche dichiarazioni previsionali in altri materiali disponibili al pubblico. Tali dichiarazioni possono riguardare il nostro intento, la nostra convinzione e le nostre attuali aspettative riguardo alla direzione strategica, ai potenziali risultati e ai risultati futuri, e offrire le nostre aspettative o previsioni attuali su eventi futuri; non si riferiscono strettamente a fatti storici o attuali. La direzione ritiene che queste dichiarazioni previsionali siano ragionevoli come e quando sono rilasciate. Tuttavia, è necessario prestare attenzione a non fare affidamento indebito sulle dichiarazioni previsionali, poiché tali dichiarazioni si riferiscono unicamente alla data in cui sono state effettuate.

Le dichiarazioni previsionali sono soggette a determinati rischi e incertezze che potrebbero causare differenze sostanziali tra i risultati effettivi e la nostra esperienza storica, aspettative attuali o risultati previsti. Tali rischi e incertezze, molti dei quali sono al di fuori del nostro controllo, includono, a titolo esemplificativo: incertezze correlate all'impatto della pandemia COVID-19 sulla nostra attività e operazioni, condizioni finanziarie, risultati finanziari e posizione finanziaria, i nostri clienti e fornitori e l'economia globale; cambiamenti delle condizioni economiche generali, negli Stati Uniti o nel resto del mondo; concorrenza significativa a livello locale, regionale, nazionale e internazionale; cambiamenti nei nostri rapporti con i nostri clienti; cambiamenti nel complesso e rigoroso regolamento negli Stati Uniti e a livello internazionale (comprese le leggi e le normative fiscali); aumento dei requisiti di sicurezza fisica o dei dati che possono far aumentare i costi operativi e ridurre l'efficienza operativa; risposte legali, normative o di mercato al cambiamento climatico globale; risultati delle negoziazioni e delle ratifiche dei contratti di lavoro; scioperi, interruzioni di lavoro o rallentamenti dei nostri dipendenti; effetti delle variazioni dei prezzi dell'energia, tra cui benzina, gasolio e carburante, e interruzioni delle forniture di questi prodotti; variazioni nei tassi di cambio o tassi di interesse; incertezza derivante dalla sospensione prevista del LIBOR e transizione a qualsiasi altro benchmark dei tassi di interesse; la capacità di tutelare l'immagine del nostro marchio; violazioni della sicurezza dei dati; interruzioni alla rete internet o alla nostra infrastruttura tecnologica; interruzioni o impatti sulla nostra attività causati da eventi naturali o artificiali o calamità, compresi attacchi terroristici, epidemie o pandemie; la nostra capacità di prevedere accuratamente le esigenze future di investimento in capitale; esposizione a cambiamenti economici, politici e sociali in mercati internazionali ed emergenti; cambiamenti della strategia aziendale, delle normative governative o delle condizioni economiche o di mercato che possono comportare una sostanziale compromissione dei nostri beni; aumento delle spese o degli obblighi di finanziamento relativi alla salute dei dipendenti, ai benefit pensionati e/o previdenziali; potenziali passività fiscali aggiuntive negli Stati Uniti o a livello internazionale; potenziale di varie richieste di risarcimento e controversie relative al lavoro, lesioni personali, danni alla proprietà, pratiche commerciali, responsabilità ambientale e altre questioni; la nostra capacità di concretizzare i benefici previsti da acquisizioni, joint venture o alleanze strategiche; la nostra capacità di concretizzare i benefici previsti dalle nostre iniziative di trasformazione; fluttuazioni cicliche e stagionali dei nostri risultati operativi; la capacità di gestire le spese assicurative e sinistri; e altri rischi discussi nei nostri documenti presso la Securities and Exchange Commission di volta in volta, incluso il nostro Rapporto annuale sul Modulo 10-K per l'anno che si è concluso il 31 dicembre 2019, il nostro Rapporto trimestrale sul Modulo 10-Q per il trimestre che si è concluso il 31 marzo 2020 e successivamente archiviati. Bisogna considerare le limitazioni e i rischi associati alle dichiarazioni previsionali e non fare eccessivo affidamento sull'accuratezza delle informazioni contenute in tali dichiarazioni previsionali. Non ci assumiamo alcun obbligo di aggiornare le dichiarazioni previsionali per rispecchiare eventi, circostanze, cambiamenti delle aspettative o eventi imprevisti dopo la data di tali dichiarazioni, salvo quanto richiesto dalla legge.

Riconciliazione tra misure finanziarie GAAP e non GAAP

Completiamo la comunicazione delle nostre informazioni finanziarie, determinate in conformità ai principi di contabilità generalmente accettati (“GAAP”), con alcune misure finanziarie non GAAP, tra cui benefit e retribuzione “adjusted”, utile operativo, margine operativo, altri redditi (spese), utile al lordo delle imposte, imposte sul reddito, aliquota fiscale effettiva, utile netto e utile per azione. Completiamo inoltre la dichiarazione delle entrate, entrate unitarie e utile operativo con misure non GAAP che escludono l'impatto in base al periodo specifico delle variazioni del tasso di cambio delle valute estere e le attività di copertura. Inoltre, comunichiamo periodicamente il flusso di cassa gratuito con l'esclusione dei contributi pensionistici discrezionali e delle spese in conto capitale, compresi i rimborsi principali degli obblighi di leasing capitale. Alle misure equivalenti determinate in conformità a GAAP si fa riferimento anche con "riportate" o "non rettificate" (unadjusted).

Riteniamo che queste misure non GAAP forniscano informazioni supplementari rilevanti che sono di ausilio agli utilizzatori del nostro bilancio per la comprensione dei nostri risultati finanziari e flussi di cassa e per la valutazione delle performance in corso, affinché escludano elementi che potrebbero non essere indicativi delle nostre operazioni pertinenti o non essere correlati ad esse e potrebbero fornire una base utile per analizzare le tendenze delle nostre attività pertinenti. Queste misure non GAAP sono utilizzate internamente dalla dirigenza per l'analisi delle prestazioni dell'unità operativa, l'allocazione delle risorse delle unità operative e in relazione alle determinazioni dei premi di incentivi.

Costi relativi ai programmi di ristrutturazione; costi della strategia di trasformazione

L'utile operativo non GAAP, il margine operativo, il reddito al lordo delle imposte, l'utile netto e gli utili per azione escludono l'impatto dei costi relativi ai programmi di ristrutturazione, compresi i costi della strategia di trasformazione. Riteniamo che ciò fornisca un utile confronto delle prestazioni finanziarie annuali senza considerare l'impatto a breve termine dei costi di ristrutturazione.

Impatto delle variazioni nei tassi di cambio in valuta straniera e attività di copertura

Le entrate neutre rispetto alla valuta, le entrate unitarie e l'utile operativo sono calcolati dividendo le entrate, le entrate unitarie e l'utile operativo in dollari USA registrati nel periodo corrente per i tassi di cambio medi del periodo corrente, in modo da ottenere le entrate, le entrate unitarie e l'utile operativo in valuta locale del periodo corrente. Gli importi derivati vengono quindi moltiplicati per i tassi di cambio delle valute estere medi utilizzati per tradurre i risultati comparabili per ogni mese nell'esercizio precedente (compreso l'impatto periodo dopo periodo delle attività di copertura delle entrate in valuta estera). La differenza fra le entrate, le entrate unitarie e l'utile operativo in dollari comunicati per il periodo attuale e le entrate, le entrate unitarie e l'utile operativo in dollari del periodo corrente derivati corrisponde all'impatto periodo dopo periodo delle fluttuazioni valutarie.

Impatto delle variazioni nelle aliquote di contribuzione pensionistica

L'utile operativo non GAAP indipendente dalle aliquote di contribuzione pensionistica esclude l'impatto “periodo dopo periodo” del cambio delle variazioni delle aliquote sul costo del servizio pensionistico. A partire dal 1 gennaio 2020 abbiamo iniziato a valutare i nostri segmenti utilizzando un utile operativo indipendente dalle aliquote di contribuzione pensionistica in aggiunta alla nostra attuale misurazione dell'utile operativo del segmento.

L'utile operativo indipendente dalle aliquote di contribuzione pensionistica è calcolato confrontando il valore dei benefit attribuibili al servizio dei dipendenti nel periodo corrente utilizzando l'aliquota di contribuzione dell'anno precedente applicabile a ciascuno dei piani di benefit definiti dalla società. La differenza tra questo importo derivato e il periodo corrente di servizio riportato è l'impatto “periodo dopo periodo” dei movimenti di cambio delle aliquote di contribuzione pensionistica sul profitto operativo.

Flusso di cassa libero e spese in conto capitale “adjusted”

Riteniamo il flusso di cassa libero, il flusso di cassa libero con esclusione dei contributi pensionistici discrezionali e il flusso di cassa libero “adjusted” per i principali rimborsi degli obblighi di leasing finanziario importanti indicatori della quantità di liquidità generata dalle operazioni aziendali regolari e li utilizziamo quale misura della cassa incrementale disponibile da investire nella nostra attività, per far fronte ai nostri obblighi di debito e rimborsare gli azionisti. Inoltre, riteniamo che adeguare le spese in conto capitale per i principali rimborsi degli obblighi di leasing finanziario rispecchi in modo più appropriato il contante complessivo che abbiamo investito in beni capitali. Calcoliamo il flusso di cassa libero come i flussi di cassa da attività operative meno le spese in conto capitale, i proventi da cessione di immobili, impianti e apparecchiature, più o meno le variazioni nette nei crediti finanziari e in altre attività di investimento. Il flusso di cassa libero, esclusi i contributi pensionistici discrezionali, aggiunge qualsiasi contributo pensionistico discrezionale effettuato durante il periodo. 

Le misure finanziarie non GAAP dovranno essere considerate in aggiunta, non come alternativa, ai nostri risultati registrati, predisposti in conformità ai GAAP. Le nostre informazioni finanziarie non GAAP non rappresentano una base completa della contabilità. Pertanto, le nostre informazioni finanziarie non GAAP potrebbero non essere paragonabili alle misure con denominazione analoga comunicate da altre società.

Stai cercando immagini e video? Visita la nostra Libreria di contenuti multimediali.

Powered by Translations.com GlobalLink OneLink Software